Your Edu Action | L'azione di educare ed imparare

Gli insegnanti hanno perso il ruolo sociale di spicco, sviliti da una stipendio indegno e una demotivazione palpabile

Sono passati tre anni dall’intervento del giornalista e conduttore televisivo Franco Di Mare su Uno Mattina. Di Mare lamentava un salario troppo basso per i docenti italiani, a fronte di un lavoro faticoso e che richiede ore di aggiornamento e straordinarie doti umane. Sono trascorsi 3 anni, eppure non è cambiato nulla: in un rapporto OCSE del 2020 è addirittura emerso che un insegnante italiano guadagna la metà di uno tedesco.

Di Mare chiedeva maggiore sostegno alla classe lavoratrice degli insegnanti: la scuola è infatti presidio formidabile di civiltà, un baluardo di progresso per strappare ragazzi difficili al richiamo della strada.

Gli insegnanti sono così demotivati e non premiati per gli sforzi compiuti, generando in questo modo disinteresse nei loro alunni. Un incremento degli stipendi di maestri, professori e docenti, invece, sarebbe un ottimo investimento per formare la classe dirigente del futuro e offrire all’Italia la possibilità di risplendere economicamente.

STIPENDI ITALIANI TRA I PIÙ BASSI IN EUROPA

Invece, il quadro offerto dalla scuola italiana è completamente diverso: aggressioni di genitori e alunni contro gli insegnanti, disinteresse nello studio, episodi di vandalismo negli istituti indicano una situazione scolastica che dovrebbe essere sottoposta a un intervento profondo, a partire dalla tutela della classe degli insegnanti. L’insegnante ha perso il suo ruolo sociale di spicco, svilito da una remunerazione insufficiente e dalla mancanza di controllo di genitori e alunni.

Dopotutto, come ha fatto notare Di Mare tre anni fa, scuola e famiglia sono i presidi educativi nella vita dei giovani. Essi devono cooperare per favorire la crescita dell’alunno e prepararlo alla vita fuori dalle pareti scolastiche.

Le scuole, specie in certi quartieri, sono un baluardo di progresso, e lì ci troverete insegnanti straordinari pronti a farsi in quattro anche fuori dal normale orario di lavoro per strappare ragazzi difficili al richiamo della strada

FRANCO DI MARE

L’istruzione apre la mente, rende le persone più consapevoli e cittadini migliori. Studiare significa essere liberi, avere una propria visione e fare in modo che il mondo sia libero da intolleranza, violenza e conflitti.

CONDIVIDI L'ARTICOLO

LEGGI ANCHE

ritorno a scuola

Le regole del buon ritorno a scuola

Abbiamo aspettato per tanti mesi questo momento, ma sembra impossibile ritenersi completamente preparati. Stiamo parlando del ritorno a scuola e di come renderlo il meno traumatico possibile in un periodo complicato come questo. In questo articolo andremo ad elencare alcune…

scuola dei vincitori

La scuola dei vincitori

Nelson Mandela diceva che un vincitore è un sognatore che non si è mai arreso. Ed allora: la scuola che vorrei è la scuola che in un periodo così difficile resta lucida e non molla. Una scuola più che mai…

Diventa un autore di MenteDidattica e pubblica i tuoi articoli!

Gli insegnanti che inviano la propria richiesta, una volta accettati, potranno pubblicare articoli su tematiche scolastiche preferite.


PARLANE CON L'AUTORE

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi tutti i commenti
Open chat